Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /public_html/wp-includes/functions.php on line 5831

Notice: Undefined index: src in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/header-options.php on line 163
Bolognain - Dentro la Città


Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 51

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 52

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 53

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 54

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 55

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 56

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 57
Attualità Bologna

Pubblicato il 7 Ottobre, 2016 | da bolognain

0

Bologna più insicura, Bologna più imbruttita

Dal camion che entra in Piazza Maggiore durante un concerto dei Nomadi agli imbecilli che indisturbati deturpano i muri con i loro simbolini.

Due storie agli antipodi, quelle del camion che entra in Piazza Maggiore durante il concerto dei Nomadi e quelli dei murales del ponte di Via Stalingrado subito deturpati da uno o più imbecilli. Storie di ordinaria follìa, senza voler pesare la gravità di ognuno dei due: quando una cosa è sbagliata lo è e basta, quando viene arrestato un colpevole il crimine è stato commesso; poi si vedrà quale pena infliggergli.

L’irruzione del mezzo avrebbe risvolti grotteschi, non fosse che il ricordo della strage di Nizza è ancora dolorosamente fresco, e adesso è partito il rimpallo delle colpe – assodato che l’autista, poveretto, chissà se se ne è reso conto, ha rischiato molto – che forse si concluderà in un nulla di fatto. In ogni caso, visto quello che è successo e soprattutto quello che avrebbe potuto succedere, ci sentiamo tutti molto meno sicuri. Non era l’Isis, era un camionista pugliese che magari consiglierà o costringerà chi di dovere a rivedere i sistemi di sicurezza.

L’altra questione è di microcriminalità, io la definisco così, ma anche di sfregio e spregio di un’ideale per una città meno grigia, meno sporca, meno attaccabile da chi la imbratta e la imbruttisce. Magari facendosi scudo con la creatività e contando sulla solidarietà di chi perdona “perché è disagio sociale” o perché non si è mai trovato un muro di proprietà deturpato da assurdi ghirigori. Altrove, forse, nei confronti di quella minoranza cafona e insolente avrebbero trovato un sistema da uovo di Colombo (Cristoforo): ti becco a fare quello, ti condanno ad un periodo di rieducazione, pulendo dove hai sporcato. Per carità, sui muri si è sempre scritto o incollato manifesti, però c’è un limite a tutto. E a Bologna è stato sorpassato, mentre ci si preoccupava di cacciare Beppe Maniglia da Piazza del Nettuno.

 

Franco Montorro

Attualità / In Città

foto: EvanGlevan

6 Ottobre 2016

www.bolognain.info

Bologna

Tags: , , ,


Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna Su, ↑