Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /public_html/wp-includes/functions.php on line 5831

Notice: Undefined index: src in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/header-options.php on line 163
Bolognain - Dentro la Città


Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 51

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 52

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 53

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 54

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 55

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 56

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 57
Cultura

Pubblicato il 27 Ottobre, 2015 | da bolognain

0

Capolavori nascosti a Bologna

Nei musei e nelle chiese di Bologna ci sono opere capolavoro. Ma sembra che non lo sappiano quelli che dovrebbero promuovere l’immagine della città

Immaginate una città di medie dimensioni, non catalogata nell’opinione comune come “d’arte”, quindi non una Venezia, Firenze o Pisa. Se in questi centri più anonimi una chiesa o un museo ospitassero opere di Cimabue, Michelangelo e Raffaello, credete che al di là delle altre attrattive turistiche, chi si occupa di promozione dell’immagine della città non batterebbe forte su queste tre risorse? A Bologna, in queste condizioni, non accade e mentre si cerca un riconoscimento dall’Unesco per quei portici che un gruppo di imbecilli – i writer – degrada da patrimonio di tutti ad abominio di qualcuno, non si trova una chiave per sottolineare eccellenze che pochi hanno e come detto nessuno sfrutta. Ci si sdilinqua per la ragazza dagli orecchini di perla ma trova uno che dica che tutti i giorni dell’anno c’è altro, e di meglio, da vedere.

Ad esempio, in Strada Maggiore nella chiesa di Santa Maria dei Servi, quella più nota per il mercato di Santa Lucia, dietro l’altare maggiore c’è una tempera su legno, definita la Maestà e raffigurante la Madonna con Gesù bambino e due angeli. Opera databile fra il 1280 e qualche anno dopo, attribuita a Cimabue, un pittore che ha innovato la pittura italiana e che Dante ha considerato come il più grande del suo tempo: 

«Credette Cimabue nella pittura tener lo campo, ed ora ha Giotto il grido, si che la fama di colui è scura»
(Dante AlighieriPurgatorio XI94-96)

Infatti è stato anche il maestro di un certo Giotto, non di Teomondo Scrofalo. Ma chiedete ad un commerciante che magari alle elementari ha disegnato con le matite colorate Giotto, quelle con sulla scatola l’immagine del ragazzo che davanti al noto artista disegna perfettamente una pecora, dalle parti delle Due Torri se sa dire ad un turista dov’è la Maestà. Non vi preoccupate, c’è di peggio. 

 

Franco Montorro

Cultura

26 ottobre 2015 

www.bolognain.info

cimabue

Tags: , , , ,


Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna Su, ↑