Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /public_html/wp-includes/functions.php on line 5831

Notice: Undefined index: src in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/header-options.php on line 163
Bolognain - Dentro la Città


Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 51

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 52

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 53

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 54

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 55

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 56

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 57
WVF (Il Derby) playground

Pubblicato il 2 Maggio, 2016 | da bolognain

0

Dai playground alla playstation

Oggi sentirsi dare del “giocatore da playground” è quasi… un’offesa. Mentre certi campetti storici di Bologna restano desolatamente vuoti

Il Primo Maggio, alle 15.45, Stefano Michelini scatta questa foto del campetto ai Giardini Margherita di Bologna – sì, quelli del famoso torneo playground estivo – e poi la posta su Facebook con questo commento: «Gradi 15, terreno in ottime condizioni… PRESENZE 0». E’ una constatazione amara, che scatena subito reazioni fra il nostalgico e lo sconsolato, del tipo: “Non c‘era il sole, erano tutti a giocare alla playstation”. Parole di un altro grande della pallacanestro italiana: Gigi Serafini.

Aggiunge Marco Bersani: «Per noi il campo, (il mio era il Savena), era un luogo di ritrovo a prescindere, c’erano tutti gli amici, poi giocare era un’esigenza vitale, dovevi anche mantenere il tuo status, scaricarti, incazzarti con chi sbagliava l’ultimo tiro o cacciava via l’ultimo pallone e ti costringeva ad aspettare il prossimo giro, invece di continuare a giocare. Le partite del sabato pomeriggio erano attese per tutta la settimana, al pari di quelle del campionato, si giocava anche prima o dopo le partite di campionato, poi se giocavi la domenica mattina era una sgambata. Insomma era una vera e propria ragione di vita, che ci ha anche permesso anche di non perderci per altre strade come è capitato a tanti della mia età: Magna, Mirko quelli a cui tenevo di più. Adesso non sento quel fuoco ardere dentro però, faccio di tutto per provare a trasmettere questa passione, spero di farlo al meglio, e spero che i campetti si possano nuovamente riempire…».

In tutte queste parole si coglie il distacco generale di chi ha iniziato a giocare per strada e non necessariamente in un campo da basket, ma soprattutto in un cortile, e quelli che preferiscono divertirsi in maniera virtuale. E se per certe realtà si può invocare l’obbligo a non praticare sport in mancanza di strutture adeguate, così non dovrebbe essere a Bologna, che pure non è messa benissimo per quello che riguarda gli impianti sportivi. Ma così è perché nell’era del preconfezionato si è perso il gusto del basket inteso come gioco e oggi “giocatore da playground” è quasi una definizione da offesa, per i sacerdoti del gioco tutto schemi e tattiche. Poi scopri che la pallacanestro è la disciplina con il maggior numero di abbandoni dell’attività nel periodo teenager (13-19) anni e quella che invece mantiene il più alto numero di praticanti a qualsiasi livello negli “anta”, quando hai capito che il basket può continuare ad essere un divertimento. Dentro o fuori e se fuori, pronti ad aspettare il prossimo turno.

Franco Montorro

Sport / WVF (Il Derby)

2 Maggio 2016

www.bolognain.info

playground

Tags: , , ,


Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna Su, ↑