Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /public_html/wp-includes/functions.php on line 5831

Notice: Undefined index: src in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/header-options.php on line 163
Bolognain - Dentro la Città


Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 51

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 52

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 53

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 54

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 55

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 56

Warning: A non-numeric value encountered in /public_html/wp-content/themes/themeforest-2415788-gonzo-clean-responsive-wp-magazine/gonzo/single.php on line 57
In Città

Pubblicato il 3 Novembre, 2015 | da bolognain

0

Partiti ad personam e voti a perdere

I capilista alle prossime elezioni comunali dovrebbero indicare in anticipo i nomi degli eventuali futuri assessori

Noto che ancora una volta a Bologna, e non solo, l’avvicinarsi alle elezioni – nel nostro caso comunali – finisce per essere personalizzato sui nomi dei candidati e in maniera molto secondaria sui programmi, che poi in realtà sono dei gran copia e incolla, con gli aggiustamenti del caso. Come per fare una canzone le note sono solo sette, poi la differenza la fanno la sequenza e il complesso degli arrangiamenti, così in politica si va in ordine alfabetico da sette capisaldi: Assistenza sanitaria, Istruzione, Lavori pubblici, Rapporti con le Istituzioni, Sicurezza, Traffico. Vedi? Arrivi a fatica nemmeno a sette e poi ne aggiungi un paio perché la Cultura fa figo e lo Sport va di pancia e non importa se oltre all’Assistenza bisognerebbe parlare più ampiamente di Sanità.

Mescolati diversamente e con sottolineature naturalmente connaturate al sentire, fra uno della Lega e uno dei Cinque Stelle e fra ogni singolo esponente del PD, che tiene fede all’accezione originale del termine Partito: diviso in più parti.

Al gran ballo delle prossime elezioni 2016 ogni schieramento presenterà un capitano e dei gregari, in giro nel tour elettorale con la documentazione preparata dai cosiddetti spin doctor, ovvero il Bignamino per convincere il sempre maggior numero di incerti, ché ai duri e puri della campagna elettorale se ne fregano. Perché hanno le loro idee fisse e sono quelli che se dal giornalaio quello davanti a loro compra il Carlino o repubblica e la scelta non è la loro, guardano male l’altro.

Parole, parole, parole tanto per iniziare e chissà dove si andrà a finire.

Forse però sarebbe il caso di trovare una mediazione fra programmi scritti e scelte incerte e proporre che ogni capolista dica in anticipo come sarebbe composta la sua squadra in caso di elezione: Tizio ai trasporti, Caio alla Sanità, Mevio all’Istruzione e Sempronio al recupero della Caserma Mazzoni al Molino Parisio. Non è detto che debbano essere per forza candidati in lista, ma ai tempi di internet uno potrebbe informarsi rapidamente e in maniera sufficiente sulle persone e quindi dare un giudizio migliore sulle proposte preelettorali. Non sarà mai fatto, perché il dopoelezioni è il tempo dei mercanteggiare in base alle percentuali di voti raccolti. I famosi voti a perdere credibilità nei confronti di una democrazia sempre meno rappresentativa.

Franco Montorro

Attualità / In Città

3 Novembre 2015

www.basketin.info

Franco

Tags: ,


Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna Su, ↑